Tag

morte
Il pensiero tibetano su L’Indiscreto Imparare a morire dal pensiero tibetano   “In Tibet il pensiero della morte è ancora molto presente, come si nota dalle infinite rappresentazioni di teschi e scheletri nei monasteri, mentre noi lo abbiamo reso qualcosa di cui vergognarci, da nascondere e ritardare il più possibile. Secondo Ariès, è proprio la...
Il pensiero tibetano su Rai Radio 3 Su Rai Radio 3 si è parlato a lungo de Il Pensiero Tibetano di Dejanira Bada, nel programma Pagina 3.   Per chi si fosse perso il passaggio in radio, è possibile ascoltare l’estratto su Rai Play Sound (minuto -9,40).   Tratto dall’articolo per L’Indiscreto: imparare a morire...
  Questa pandemia finirà, perché tutte le cose hanno una fine, ma forse dovremmo trarre un grande insegnamento da questo periodo: non possiamo aggrapparci a nulla. Non c’è niente di certo. Non dura la sofferenza ma non dura neanche la felicità. La vita è fatta di piccoli momenti che fluiscono, di onde che vanno a...
Soul è un inno alla consapevolezza
  Adoro i cartoni animati, e come molti di voi anch’io sono cresciuta con quelli della Disney.   Per Natale il canale Disney ha distribuito in streaming il nuovo film Pixar Soul, che come il bellissimo Mulan sarebbe dovuto uscire al cinema. Soul sta già facendo molto parlare di sé. Basta vedere i post sui...
  “La mente è l’artefice principale della nostra felicità e della nostra sofferenza. E questa è una buona notizia perché possiamo trasformarla.”     Un giorno ho riconosciuto in me l’emozione della rabbia.   Noi non siamo la nostra rabbia, è bene capirlo.   Ho riconosciuto la rabbia, l’ho sentita crescere, e mi sono accorta...
  Quando ho letto l’articolo de “Il Foglio” intitolato “Quando non si può più donare la vita, non resta che conservarla a ogni costo”, ho avuto un’illuminazione.   Il filoso Olivier Rey ha pubblicato il libro L’idolatria della ‘vita’ in cui critica l’immaginario che sottende la modernità nella tradizione francese che fu di Jacques Ellul....
  Di: Dejanira Bada   Non siamo in guerra. Non è la peste. E non è neanche un bel ritiro spirituale.   Il problema sono i posti nelle terapie intensive, lo abbiamo capito. Il virus ammazza gli anziani e non solo, ci dispiace, anzi, ammazza soprattutto chi ha già una o più patologie pregresse, ok;...